Logo dell'ateneo

Ingegneria Meccanica e dei Materiali

Corso di Laurea

La nostra esperienza è che gli studenti affrontano questo percorso formativo consci dell'importante impegno ad essi richiesto, ma anche sicuri che si tratti di un investimento vincente per la loro formazione e per la loro futura carriera professionale.

Giorgio Donzella e Fabio Bignotti, Università degli Studi di Brescia
Perché studiare Ingegneria meccanica e dei materiali all’Università degli Studi di Brescia?
  • Fornisce allo studente una solida preparazione di base nell’ingegneria meccanica e dei materiali.
  • Prevede due curricula, che completano la formazione con competenze più specialistiche: un curriculum meccanico, in cui si approfondisce la conoscenza dei sistemi informatizzati per la progettazione meccanica e si studiano tecniche e procedure per le misure meccaniche, termiche ed elettroniche; un curriculum materiali in cui si approfondiscono le discipline specifiche sulle proprietà dei materiali e sulle tecnologie della loro trasformazione in prodotti finiti.
  • Prepara allo svolgimento di una professione richiesta dal territorio, spendibile con soddisfazione per diverse tipologie di impiego già dopo tre anni di formazione, o alla prosecuzione degli studi in un corso di laurea magistrale, tipicamente quello in Ingegneria meccanica e quello in Ingegneria meccanica dei materiali

Modalità di ammissione: Test orientativo

Durata: 3 anni

Frequenza: Libera

Sede: Brescia

Sbocchi professionali

Il laureato in Ingegneria meccanica e dei materiali trova impiego all’interno di aziende di vario genere nel settore manifatturiero e di processo: industrie meccaniche ed elettromeccaniche; industrie siderurgiche e metallurgiche; industria della gomma e delle materie plastiche; aziende ed enti per la conversione dell’energia; imprese impiantistiche; industrie per l’automazione e la robotica; imprese per la produzione, l’installazione ed il collaudo, la manutenzione e la gestione di macchine, linee e reparti di produzione.
Le attività che il laureato può svolgere in azienda sono molteplici: partecipazione alla progettazione di prodotto e di processo, sviluppo di prodotti e di nuove tecnologie, messa a punto dei cicli tecnologici di fabbricazione dei manufatti industriali; conduzione degli impianti nei reparti di produzione, installazione e collaudo di macchine e sistemi; manutenzione e gestione di reparti produttivi, nonché attività di controllo, verifica ed assistenza tecnica; esecuzione di prove e di misure in laboratori di ricerca e sviluppo. Oltre che nell’attività produttiva e di servizio, il laureato può trovare collocazione presso studi di ingegneria, negli uffici tecnici di aziende pubbliche e private, nelle pubbliche amministrazioni ed enti territoriali, negli enti di ricerca. Può sostenere l’esame di abilitazione professionale per l’iscrizione all’Albo degli Ingegneri nella sezione industriale.

Proseguire gli studi all'Università degli Studi di Brescia

Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica; Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica dei materiali