Logo dell'ateneo

Ingegneria Civile

Corso di Laurea

Operare nell'ambito dell'ingegneria civile offre la possibilità di contribuire da libero professionista o da dirigente di impresa alla vita della nostra società, sia per la possibilità di progettare e gestire costruzioni civili, sia per rispondere al grande bisogno di rigenerare il nostro territorio e i nostri edifici, la gran maggioranza dei quali realizzati prima che maturasse la coscienza ambientale e prima che si adottassero criteri di protezione dai rischi naturali, soprattutto sismico ed idrogeologico.

Giovanni Plizzari, Università degli Studi di Brtescia
Perché studiare Ingegneria civile all’Università degli Studi di Brescia?
  • Per entrare nel mondo del lavoro da protagonista operando in un settore che ha sempre costituito una delle colonne portanti del nostro Paese.
  • Per avere una solida formazione sulla progettazione e gestione dei lavori per l’edilizia e le infrastrutture civili, la rigenerazione del costruito e del territorio, anche per garantire il contenimento dei consumi energetici e la sicurezza sismica delle costruzioni.
  • Dopo la formazione di base che caratterizza i primi anni, il Corso di laurea offre insegnamenti professionalizzanti nel campo dell’idraulica e delle costruzioni idrauliche, della geotecnica, della scienza e tecnica delle costruzioni, dell’architettura tecnica e del restauro architettonico, della tecnica urbanistica e dell’ingegneria sanitaria.

Modalità di ammissione: Test orientativo

Durata: 3 anni

Frequenza: Libera

Sede: Brescia

Sbocchi professionali

I principali sbocchi professionali sono:

  • Per l’area dell’ingegneria civile, imprese di costruzione e manutenzione di opere civili, impianti ed infrastrutture civili; studi professionali e società di progettazione di opere, impianti ed infrastrutture; uffici pubblici di progettazione, pianificazione, gestione e controllo di sistemi urbani e territoriali; aziende, enti, consorzi ed agenzie di gestione e controllo di sistemi di opere e servizi; società di servizi per lo studio di fattibilità dell’impatto urbano e territoriale delle infrastrutture;
  • Per l’area dell’ingegneria ambientale e del territorio, imprese, enti pubblici e privati e studi professionali per la progettazione, pianificazione, realizzazione e gestione di opere e sistemi di controllo e monitoraggio dell’ambiente e del territorio, difesa del suolo, gestione dei rifiuti, delle materie prime e delle risorse ambientali ed energetiche e per la valutazione di impatti e compatibilità ambientale di piani ed opere;
  • Per l’area dell’ingegneria della sicurezza e della protezione civile, ambientale e del territorio, grandi infrastrutture, cantieri, luoghi di lavoro, ambienti industriali, enti locali, enti pubblici e privati in cui sviluppare attività di prevenzione e di gestione della sicurezza e in cui ricoprire i profili di responsabilità previsti dalla normativa attuale per la verifica delle condizioni di sicurezza.
Proseguire gli studi all'Università degli Studi di Brescia

Corso di laurea magistrale in Ingegneria civile, Corso di laurea magistrale in Civil and Environmental Engineering (in inglese)